• Rapso

L'importanza di Rapsodia (The importance of Rapsodia)

La poesia e il racconto oggigiorno non sono divulgati esclusivamente tramite il medium libro ma viaggiano attraverso canali capaci di arrivare a centinaia di persone in uno stesso istante. Il web pullula di realtà ed individui (sotto forma di “profilo”) che si occupano di portare ai lettori presunte novità letterarie utilizzando versi, racconti e immagini.


Centinaia di studi riguardanti la lettura su schermo, il social reading e così via, hanno dimostrato scientificamente che la pagina stampata ha ancora una grande forza rispetto ai dispositivi digitali. Per questo motivo probabilmente molte delle pratiche contemporanee ci sembrano inefficaci rispetto a progetti editoriali come quello di Rapsodia.


Anni fa siamo venuti a conoscenza di ragazzi coraggiosi che come noi avevano fatto scelte in controtendenza rispetto alle pratiche comuni in ambito editoriale. Studenti e ricercatori, da diverse parti d’Italia si erano riuniti sotto un unico nome, sotto un unico intento, per produrre un oggetto che non fosse un ulteriore pubblicazione per dar sfogo alle personali “manie da letterato”, ma qualcosa che fosse destinato a durare nel tempo.


Rapsodia è quindi una realtà unica, una rivista periodica che raccoglie poesie, racconti e come gli stessi rapsodiani scrivono, un contenitore di “esperienze letterarie” e approfondimenti sulla percezione e la ricezione dell’arte contemporanea.


Scrivere e pubblicare una rivista cartacea in questo momento non è cosa semplice, tanto più se lo si fa in autonomia. L’importanza di questa rivista non consiste solo nei contenuti che propone ma anche e soprattutto per il gruppo che la porta avanti. Giovani studiosi ed appassionati che hanno deciso di investire in un prodotto che racconta il riscatto di una generazione e che rappresenta l’apertura, il dibattito, il confronto e la loro curiosità. Insomma, per chi legge, non solo contenuti ricercati e raffinati ma un esempio di cosa significa dedicarsi ad un progetto culturale. Rapsodia è stato in questi anni un sistema di valori autentico, capace di integrare contenuti nuovi ed interagire anche con realtà molto diverse e questa antologia ne è la chiara rappresentazione.


Chi prenderà quindi nelle proprie mani questo volume, sfoglierà non solo fogli di carta stampata, non solo racconti, pensieri, poesie e idee, ma un’esperienza collettiva da sostenere e preservare.


Prefazione a "Rapso XX - The Anthology" a cura di Dionigi Mattia Gagliardi, Manuel Focareta (Numero Cromatico).


The importance of Rapsodia

Nowadays, poetry and storytelling are not exclusively shared through the book medium, but rather travel through channels that are able to reach hundreds of people at the same time. The web is crawling with realities and individuals (in the form of “profiles”) that allegedly bring readers the latest literary offers using verse, tales and pictures.


Hundreds of studies on the process of reading from a screen, social reading and so on, have scientifically proven that the printed page is still much stronger than digital devices. It is for this reason that many of these contemporary practices seem ineffective when compared to published works such as Rapsodia.


Years ago, we met young people like us struggling to create something rooted in the countertrend, to have a voice able to go above and beyond the common practices of the publishing sphere. Students and researchers from all over Italy united under one name and one aim: to create something that wasn’t just yet another publication used to unburden someone’s literary delusions, but a work destined to stand the test of time.


This is what makes Rapsodia unique. Just as rapsodians, this periodical magazine collects poetry and tales, as a container of “literary experiences” and in-depth analysis on perception and reception of contemporary art.


In this day and age, to write and publish a printed magazine is no simple feat, even less so when maintained independently. The importance of this magazine is not just in its content but also, and perhaps above all, in the people that carry the project. Young, studious and passionate people that made the decision to invest in something in the pursuit of generational redemption: a work that represents open-mindedness, debate, confrontation and curiosity.


For the readers, it is not only a question of refined content, but an example of what it means to devote oneself to a cultural project. During these years, Rapsodia has captured an authentic set of values, integrating new contents and interacting with different realities. This anthology is the culmination of this work.

Readers who hold this issue in their hands won’t just be leafing through printed paper, tales, thoughts, poems and ideas, but will browse through a collective experience to be supported and preserved.


Introduction to "Rapso XX - The Anthology" by Dionigi Mattia Gagliardi, Manuel Focareta (Numero Cromatico)


arrow&v

Your request has been sent!

 

ISSN 2724-0460

©2020 di Associazione Culturale Menti Colorate