• Alessandra Tescione

La storia di Oldoldvilla


Ocean

In un luogo lontano e mutevole, c’è una villa vecchia vecchia, gigante: è in legno e mattoncini, il tetto cade spiovente sulle piccole finestre, mentre la canna fumaria è sempre spenta (almeno fino ad ora). La storia di Oldoldvilla nasce dai ricordi di Ilona, in Finlandia.


Ho trascorso la mia infanzia in isolamento. In giovane età, ho iniziato a pianificare di fuggire dai miei genitori. Penso che l'idea di un edificio infestato e immaginario sia nata allora.

Al 2016 risalgono i primi schizzi in due dimensioni. Poi, attraverso la sperimentazione della realtà virtuale e l’uso di un software di modellazione 3D, l’artista ha animato il suo progetto – “il motivo principale per alzarsi dal letto”, scrive sul profilo Instagram aperto nel 2019.


Balance

Oldoldvilla è un rifugio vuoto in una realtà surreale che attraversa mondi diversi e situazioni estreme: talvolta è sospesa in aria, altre volte è bloccata nella sabbia o sull’acqua. Nelle immagini e nei video è possibile percepire la consistenza dell’aria che avvolge e attraversa la villa, filtrata da sperimentazioni visive che variano la narrazione della storia. Le ambientazioni diventano il prolungamento emotivo delle esperienze personali dell’artista, la trasposizione di un immaginario ironico e misterioso alla ricerca di “una vera casa” ci racconta Ilona.

Come in un quadro metafisico, le scene silenziose ed enigmatiche preludono a qualcosa che sta per succedere.


Qualunque cosa bizzarra e inaspettata può accadere in qualsiasi momento. Essere presenti è la chiave.

Oldoldvilla è un invito sincero ad affrontare le proprie paure intime, a viverle con prontezza e creatività, confidando nel potere salvifico dell’immaginazione creativa: una sorta di potere nascosto che, forse, è riposto in in ognuna delle nostre storie.





Join us*

*if you see things in a different way...

Let's be creative together. Please share your CV/Portfolio using the fields below.

arrow&v

Your request has been sent!

 

ISSN 2724-0460

©2020 di Associazione Culturale Menti Colorate